Read more

Giorno 1: Arrivo a Keflavík - Hveragerði

Highlights: Viking World The Blue Lagoon Hveragerdi Hveragerdi Hot Spring Area

Laguna geotermica – Villaggio dei fiori – Serre riscaldate col geotermico

Chilometraggio approssimativo: circa 100 km / 62 miglia

Ritiro dell’auto in aeroporto e inizio dell‘esplorazione dell‘ Islanda. Dall’aeroporto internazionale di Keflavik è consigliabile guidare lungo la costa meridionale della penisola di Reykjanes verso il primo pernottamento nel villaggio di Hveragerði. Il villaggio ha la peculiarità di essere uno dei pochi centri abitati al mondo situati nel bel mezzo di un‘area geotermica. A causa delle sue numerose serre riscaldate con acqua calda di sorgente termale è spesso chiamata anche „il  villaggio dei fiori“. A seconda del vostro orario di arrivo in Islanda, potrebbe risultare comoda una sosta nella rinomata Laguna Blu, dove potrete rilassarvi in acque geotermiche.
Pernottamento in zona Hveragerði.

Read more

Giorno 2: Thingvellir – Penisola di Snaefellsnes - Stykkisholmur

Highlights: Eldborg Crater Budahraun Lava Field Snaefellsjokull National Park Arnarstapi Hellnar Berserker Lava Field Dritvik Djupalonssandur Kirkjufell Shark Museum Stykkisholmur

Enorme cratere – Spiaggia di ghiaia – Vulcano coperto da ghiacciaio

Chilometraggio approssimativo: 250 km

Partenza da Hveragerði e visita di Thingvellir, prima di trasferirvi sulla costa occidentale verso la penisola di Snæfellsnes. Lungo il tragitto visita di Eldborg, un cratere dalle forme perfette, quasi un pezzo di luna in terra. Nella penisola di Snæfellsnes esplorazione delle innumerevoli meraviglie, dalle scogliere di Arnarstapi, ricche di avifauna, alla spiaggia rocciosa di Djúpalónssandur, con possibilità di piacevoli camminate. Durante tutta la giornata possibilità di ammirare lo Snæfellsjökull, il vulcano dalla forma conica e la vetta di ghiaccio che ebbe ad eruttare l’ultima volta nel 250 d.C.

Attività opzionali: motoslitta sul ghiacciaio di Snæfellsjökull.

Pernottamento in zona Snæfellsnes.

Read more

Giorno 3: Stykkisholmur - Brjánslækur - Fiordi occidentali

Highlights: Breidafjordur Flatey Island Latrabjarg Patreksfjordur

Pittoreschi villaggi di pescatori – Attraversata in traghetto del golfo di Breidafjordur – Scogliere con le colonie d’uccelli più grandi d’Europa

Chilometraggio approssimativo: 155 km

Navigazione attraverso il golfo del Breiðafjörður, con più di 3.000 piccole isole abitate da uccelli marini e da giocose foche. Una volta raggiunti i remoti Fiordi Occidentali, esplorerete l’attrazione principale della regione: le scogliere diLátrabjarg, il punto più occidentale d’Europa. La maestosa scogliera, alta 441 metri (1.447 piedi), è animata da milioni di giocose pulcinelle di mare, sule, urie e gazze marine. Questa bellissima “opera scultorea” della natura è stata riconosciuta sia dalla Lonely Planet che dal National Geographic come uno dei luoghi più spettacoli al mondo per la fauna selvatica. Le scogliere offrono una vista mozzafiato (soprattutto durante in estate al tempo del sole di mezzanotte) sulle belle spiagge sottostanti.
Pernottamento in zona ovest.

Read more

Giorno 4: Patreksfjörður - Bíldudalur - Thingeyri - Ísafjörður

Highlights: Talknafjordur Bildudalur Dynjandi Thingeyri Isafjordur Isafjordur Maritime Museum

Aride brughiere – Cascata tonante – La capitale dei Fiordi occidentali

Chilometraggio approssimativo: 220 km

Viaggio attraverso gli spettacolari Fiordi occidentali, con possibilità di sosta presso sorgenti termali nascoste tra aspre lande. A Dynjandi cascata che scende fragorosamente da 100 metri ( 329 ft) di dislivello sul fianco di una montagna. Alla base della cascata ampia vista sul fiordo, sosta ideale per un picnic. Lungo il tragitto, prima di arrivare a Ísafjörður, apprezzerete il fascino discreto dei villaggi di pescatori come Thingeyri. [Per gli appassonati, possibilità di visitare Skrúður (località Núpur), il più antico giardino d’Islanda, premio internazionale per il paesaggio Carlo Scarpa.]

Visita a Ísafjörður, la vivace capitale dei fiordi occidentali che vanta anche una interessante identità culturale resa speciale dalla condizione di isolamento che la cittadina, per certi aspetti, ancora oggi conserva.

Attività opzionali: escursione in kayak da Ísafjörður, giro in barca all’isola di Vigur, visita dell’interessantissimo Museo di Storia Naturale di Bolungarvík .

Pernottamento in zona Ísafjörður.

Read more

Giorno 5: Isafjordur - Holmavik - Strandir - Laugar Saelingsdalur

Highlights: Vigur Island Isafjordur Hólmavík

Fiordi disabitati – Foche e avifauna – Selvaggia natura artica

Chilometraggio approssimativo: 360 km

Guida lungo le numerose insenature disabitate del fjordo di Ísafjarðardjúp con bellissimi tratti costieri brulicanti di foche e uccelli. Attraversamento del villaggio di Hólmavík. Assolutamente da non perdere è la gita alla costa di Strandir, uno degli angoli meno visitati dell’Islanda. Questa regione remota, selvaggia e desolata ha un che di misterioso. Da Strandir possibilità di effettuare escursioni nelle brughiere dagli scorci mozzafiato, immergersi in piscine geotermiche naturali e conoscere magari le antiche tradizioni magiche e la stregoneria che un tempo si praticavano da queste parti. A fine giornata, visita alle fertili vallate verdi di Laugar Sælingsdalur, una zona ricca di folklore e storie legate alle antiche saghe islandesi e norrene.

Attività opzionali: Museo della stregoneria (“Witchcraft Museum”) a Hólmavík.

Pernottamento nella zona di Sælingsdalur.

Read more

Giorno 6: Laugar Saelingsdalur - Borgarfjordur - Reykjavik

Highlights: Eiriksstadir Viking Home Deildartunguhver Hraunfossar Barnafoss Borgarnes Settlement Center of Iceland Hvalfjordur Fjord Husafell

Patrimonio storico-culturale vichingo  – Misteriose cascate – La sorgente termale più potente d’Europa

Chilometraggio approssimativo: 290 km

Guida fino a Eiríksstaðir, un tempo residenza del temuto vichingo Erik il Rosso e il luogo di nascita di suo figlio Leif Eiriksson, colui che ad oggi ha il primato di essere stato il primo europeo a scoprire l’America. Visitate la replica della “casa lunga” vichinga realizzata in torba, magari stando sulla soglia dell’edificio a godervi la stesso panorama sulla valle dell’Haukadalur che a suo tempo Erik e Leif ebbero ad ammirare. Continuare verso il Borgarfjörður, dove vedrete le cascate di Hraunfoss, con le loro acque luccicanti che dalla colata di lava coperta di muschio scendono nel ceruleo fiume, e quelle di Barnafoss, che racchiudono un misterioso segreto. Non dimenticate di fermarvi a Deildartunguhver, la più potente sorgente calda d’Europa dove è possibile acquistare pomodori biologici coltivati ​​utilizzando il calore geotermico. Proseguire fino a Reykjavik attraversando il fiordo delle balene (Hvalfjörður).
Pernottamento a Reykjavik.

Read more

Giorno 7: Partenza

Highlights: Reykjavik Keflavik

Rientrate all’aeroporto internazionale di Keflavik e lasciate l’auto *. Lungo la strada potete anche decidere di fermarvi alla Laguna Blu (orari permettendo). Vi consigliamo di partire da Reykjavik non più tardi di 3 ore prima del vostro volo.

Read more